en

BLOG

Un diario nato per raccontare "senza filtri" l'agenzia attraverso la voce dei suoi attori. Un intreccio di storie e di esperienze per scoprire anche il backstage – easy & smart – del nostro lavoro.

 
 

FusiDaiRefusi

31 ottobre 2012

foto-scelta1Uno scioglilingua, un nome da alchimista, un algoritmo, una parola swaili, il nome di uno strano preparato? No solo l’Incubo più ricorrente del Bravo Giornalista. Così da Brava Giornalista che fa da 20 anni (o tenta di fare) la Brava PR eccomi qui a scrivere il post inaugurale della mia nuova vita da Brava Blogger.

Noto ora che l’acronimo risulterebbe così BB, accidenti, rischioso evocare un mito di seducente bellezza femminile ancora così vivo nella testolina di tutti i maschietti a me noti (da che si deduce a grandi linee che non sono proprio una digital native).
Vabbe’ rischio, così d’ora in poi sarò BB, Brava Blogger alias Brava PR alias Brava Giornalista, sia pur pubblicista s’intende.
Bene, eccomi già al mio primo Blocco dello scrittore (… di nuovo la lettera B).
Lo dribblo e cerco di continuare per rispondere alla domanda che immagino sorga spontanea nei più:
“Un blog, un altro??? Ma se ne sentiva proprio il bisogno???” Sì, il bisogno io l’ho sentito prepotente perché desideravo da tempo fermare alcuni pensieri e condividerli con chi sente come me di attraversare una vera rivoluzione nelle relazioni interpersonali.
Quando io ho iniziato, il sistema delle PR si basava sulla mediazione, i contatti con gli opinion leader erano centrali e imprescindibili per dialogare indirettamente con tutti i target, in nomen omen, i “bersagli”. Oggi non ci sono bersagli ci sono solo persone che si sentono libere di esprimere impressioni, idee, critiche, sentimenti… anche intorno a un Brand. E grazie al web ne hanno un’immediata e semplice possibilità: che grande e fantastica opportunità per il mio lavoro!
Mi sembra finalmente esaudita la Preghiera della Brava PR: avere un’infinita possibilità di relazione, di interconnessione, di dialogo,  attraverso nuovi strumenti, che consentono tutte le sfumature dei linguaggi e delle forme espressive.
anche a favore dei Brand che sono stati al centro del mio lavoro in questi anni: li ho scandagliati, accuditi, ascoltati e accompagnati nell’avere successo presso i propri target, i famosi bersagli.

Gia’ allora i target non erano muti ma parlavano al massimo con il passaparola o se andava bene con le Lettere al Direttore della testata preferita.
Oggi la parola è di tutti e io voglio ascoltarla quanto più possibile, con attenzione, partecipazione, senso critico e, se possibile, affetto.
E da tutto questo, i miei Brand non possono che trarne grande vantaggio.

In questo blog confluiranno esperienze, sensazioni, curiosità, segnalazioni, condivisioni, perplessità ed eventuali poche certezze che nasceranno dalla diuturna attività di un’agenzia di PR milanese.
Quindi sarà un blog multiautore, dove ogni persona dell’agenzia sarà libera di raccontarsi e raccontare.
11 persone FuseDaiRefusi.
Buon Blog (acc. di nuovo BB)
Anita Lissona

Comments

Comment on "FusiDaiRefusi"

Il 1 novembre 2012 alle 01:42
Anonimo ha scritto:
Ciao BB, 6 grande! E questa è una delle sopracitate poche certezze. Auguri per questa nuova avventura. Smack!

Pubblica un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.